Il blog "Le Russie di Cernobyl", seguendo una tradizione di cooperazione partecipata dal basso, vuole essere uno spazio in cui: sviluppare progetti di cooperazione e scambio culturale; raccogliere materiali, documenti, articoli, informazioni, news, fotografie, filmati; monitorare l'allarmante situazione di rilancio del nucleare sia in Italia che nei paesi di Cernobyl.

Il blog, e il relativo coordinamento progettuale, è aperto ai circoli Legambiente e a tutti gli altri soggetti che ne condividono il percorso e le finalità.

"Le Russie di Cernobyl" per sostenere, oltre i confini statali, le terre e le popolazioni vittime della stessa sventura nucleare: la Bielorussia (Russia bianca), paese in proporzione più colpito; la Russia, con varie regioni rimaste contaminate da Cernobyl, Brjansk in testa, e altre zone con inquinamento radioattivo sparse sul suo immenso territorio; l'Ucraina, culla storica della Rus' di Kiev (da cui si sono sviluppate tutte le successive formazioni statali slavo-orientali) e della catastrofe stessa.

07/06/18

INCENDIO NEL BOSCO DI CHERNOBYL


L'immagine può contenere: nuvola, cielo e spazio all'aperto

Sembra sia stato quasi del tutto domato l’incendio divampato martedì il 5 giugno nei pressi della foresta che circonda la centrale di Chernobyl in Ucraina. La zona boschiva interessata dal rogo, tra le più contaminate dalle radiazioni conseguenti all'esplosione del 1986, è ampia circa 12 ettari.

Secondo la protezione civile ucraina non è stato rilevato alcun aumento di radioattività a seguito delle fiamme.

La popolazione della capitale Kiev e delle zone limitrofe è però cauta rispetto ai dati ufficialmente diffusi e i messaggi che girano sui social invitano a tenere chiuse le finestre e a non lasciare che i bambini escano di casa.

Mykola Chechotkin, capo della protezione civile, ha comunicato l’apertura di un’indagine investigativa e ha denunciato il ritrovamento di torce che lasciano pensare a un innesco doloso.

L’ipotesi di incendio doloso potrebbe, se confermata, mascherare il fenomeno del disboscamento illegale della zona.

Data: 07.06.2018
Fonte: www.balcanicaucaso.org

31/05/18

FORMAZIONE PER NOVOKEMP - BAVENO, 27.05.2018

Incontro di preparazione per Novokemp, il campo-sanatorio per bambini di Cernobyl dove gli studenti di russo dell'università di Milano andranno come volontari in estate.

 

29/05/18

SCUOLA DI VYSHKOV - “ECOLOGIA E RADIOPROTEZIONE” - 24.05.2018


Club “Sozvezdie” del ginnasio n. 1 J. Gagarin di Klincy
in partenariato con l’associazione italiana “Legambiente Circolo Il brutto anatroccolo”

PROGETTO “ECOLOGIA E RADIOPROTEZIONE 2018”
(con il sostegno dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese)

24 maggio 2018 – Uscita numero 5
Scuola del villaggio di Vyshkov

Il villaggio di Vyshkov, in provincia si Zlynka, si trova a circa 65 km da KLincy, nella regione di Brjansk, nella zona rimasta contaminata dall’incidente di Cernobyl del 1986. La scuola, di Vyshkov, tra le più grandi della provincia, è frequentata da circa 250 allievi dai 7 ai 17 anni. 

“ECOLOGIA E RADIOPROTEZIONE”

L’iniziativa è stata svolta dal club ecologico di volontariato “Sozvezdie”. Presenti: la coordinatrice Elena Ginzburg, la consulente Irina Cygankova, il fotografo Jurij Otrjaskin e 13 volontari dai 15 ai 17 anni (Valerija Škurova, Anastasija Cygankova, Diana Bolsun, Anastasija Jaščenko, Vadim Pridorožnyj,  Zlata Aleksjutenkova, Dar’ja Zajceva, Anna Prichod’ko, Ekaterina Evseenko, Aleksandr Nepogoda, Alina Arteeva, Julija Ševcova, Elizaveta Kamoza).

Durata dell’evento: 2 ora e 20 minuti (dalle 10.40 alle 13.00)

All’evento hanno partecipato 30 scolari delle classi ottava e nona e 2 insegnanti della scuola di Vyshkov.

Il gruppo dei volontari di “Sozvezdie” si è spostato con un pulmino da 20 posti.


Programma attività:

1.     Presentazione e conoscenza. Filmato sulle attività del club “Sozvezdie”
2.     Proiezione del film “Attenzione, radiazioni!”
3.     Presentazione Power Point del lavoro di ricerca “Le radiazioni e la vita”
4.     Attività pratica ecologica
5.     Attività “La strisca verde del bene”
6.     Fotoricordo con il banner del progetto

Resoconto in breve:

L’incontro si è svolto a un ottimo livello. Siamo riusciti ad attirare l’attenzione degli scolari delle classi superiori sul tema dato e, cosa più importante, a creare un’atmosfera di fiducia che ha fatto sì che si sia tenuta una discussione dopo la proiezione del film “Attenzione, radiazioni!” e la presentazione del lavoro scientifico “Le radiazioni e la vita”, anche se all’inizio non è stato facile e ho dovuto stimolare la partecipazione con alcuni esempi di nostre esperienze personali. I ragazzi si sono dimostrati particolarmente attivi durante lo svolgimento della pratica ambientale, non soltanto partecipandovi ma anche stimolando una discussione sui problemi più sostanziali per noi che viviamo nei territori contaminati. Fatto che conferma quanto sia attuale questo progetto.

Elena Ginzburg (coordinatrice di “Sozvezdie”)


L’uscita nella scuola di Vyshkov mi ha dimostrato di essere pronto a condurre autonomamente le iniziative, come in effetti è successo. Ho organizzato i ragazzi per l’iniziativa “La striscia verde del bene”. Non avrei mai pensato che fosse tanto facile entrare in contatto con i ragazzi dei villaggi di campagna. Viaggio dopo viaggio per me si fa sempre più interessante partecipare a questo progetto, ma la cosa più importante è che sto acquisendo una discreta esperienza nel lavoro a tema ecologico. Ed è una buona cosa. Sono felice di partecipar a questo bellissimo e coinvolgente progetto.

Aleksandr Nepogoda, 15 anni

FUKUSHIMA È ORA UFFICIALMENTE IL PEGGIOR DISASTRO NUCLEARE NELLA STORIA

Fukushima è ora ufficialmente il peggior disastro nucleare nella storia


counterpunch.org

Le radiazioni disperse nell’ambiente dalle tre fusioni del reattore di Fukushima-Daiichi hanno superato quelle della catastrofe di Chernobyl del 26 aprile 1986. Possiamo dunque smettere di definirlo il “secondo peggior” disastro nucleare della storia. Si stima che le emissioni atmosferiche totali di Fukushima siano comprese tra 5,6 e 8,1 volte quelle di Chernobyl, secondo il Rapporto sullo Stato dell’Industria Nucleare Mondiale del 2013. Il professor Komei Hosokawa, che ha scritto la sezione Fukushima del rapporto, ha dichiarato a Channel 4 News di Londra: “Quasi ogni giorno accadono cose nuove, e non c’è segno che si riuscirà a controllare la situazione nei prossimi mesi o anni”.

La Tokyo Electric Power Co. ha stimato che circa 900 peta-becquerel sono stati gettati fuori da Fukushima, mentre il Rapporto TORCH aggiornato al 2016 stima che Chernobyl abbia disperso 110 peta-becquerel (un becquerel è una disintegrazione atomica al secondo. [1] Il “peta-becquerel” è un quadrilione, o mille trilioni, di becquerel).

Il reattore numero 4 di Chernobyl ha subìto diverse esplosioni, si è rotto ed ha bruciato per 40 giorni, inviando nubi di materiali radioattivi nell’atmosfera e diffondendo ricadute su tutto l’emisfero settentrionale – addirittura depositando cesio-137 nel latte del Minnesota. [2]

La probabilità di disastri simili o peggiori venne stimata da James Asselstine della Nuclear Regulatory Commission (NRC), che nell’86 testimoniò così al Congresso: “Possiamo aspettarci di vedere un incidente di fusione di massa entro i prossimi 20 anni, e potrebbe finire in… rilasci esterni di radiazioni… grandi quanto o più di quelle di… Chernobyl”. L’incidente di Fukushima-Daiichi [3] è avvenuto 25 anni dopo.


Data: 03.05.2018
Fonte: www.comedonchisciotte.org

SCUOLA DI DENISKOVICI - “ECOLOGIA E RADIOPROTEZIONE” - 22.05.2018



Club “Sozvezdie” del ginnasio n. 1 J. Gagarin di Klincy
in partenariato con l’associazione italiana “Legambiente Circolo Il brutto anatroccolo”

PROGETTO “ECOLOGIA E RADIOPROTEZIONE 2018”
(con il sostegno dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese)

22 maggio 2018 – Uscita numero 4
Scuola del villaggio di Deniskoviči

Il villaggio di Deniskoviči, in provincia si Zlynka, si trova a circa 75 km da KLincy, nella regione di Brjansk, nella zona rimasta contaminata dall’incidente di Cernobyl del 1986. Come in quella di altri villaggi, a causa dello spopolamento delle campagne e del tasso di natalità negativo, anche nella scuola di Deniskoviči in quest’anno scolastico sono rimasti pochi bambini, soltanto 21. 

“ECOLOGIA E RADIOPROTEZIONE”

L’iniziativa è stata svolta dal club ecologico di volontariato “Sozvezdie”. Presenti: la coordinatrice Elena Ginzburg, la consulente Irina Cygankova, il fotografo Jurij Otrjaskin e 13 volontari dai 15 ai 17 anni (Valerija Škurova, Anastasija Cygankova, Diana Bolsun, Anastasija Jaščenko, Vadim Pridorožnyj,  Zlata Aleksjutenkova, Dar’ja Zajceva, Anna Prichod’ko, Ekaterina Evseenko, Aleksandr Nepogoda, Alina Arteeva, Julija Ševcova, Elizaveta Kamoza).

Durata dell’evento: 1 ora e 30 minuti (dalle 11.30 alle 13.00)

All’evento hanno partecipato sei scolari, un’insegnante e la direttrice della scuola di Deniskoviči.

Il gruppo dei volontari di “Sozvezdie” si è spostato con un pulmino da 20 posti.


Programma attività:

1.     Presentazione e conoscenza. Filmato sulle attività del club “Sozvezdie”
2.     Presentazione Power Point del lavoro di ricerca “Le radiazioni e la vita”
3.     Attività pratica ecologica
4.     Attività “La strisca verde del bene”
5.     Fotoricordo con il banner del progetto


Resoconto in breve:

L’iniziativa è andata bene. I bambini, nonostante le differenze di età, hanno partecipato volentieri alle attività, soprattutto alla pratica ecologica.
Per i volontari e gli scolari è stato infatti particolarmente interessante svolgere insieme l’attività nel cortile della scuola. I nostri volontari sono rimasti soddisfatti non soltanto dal lavoro svolto ma anche dalla comunicazione con gli alunni e sono rimasti colpiti dalla capacità dei bambini di villaggio di cavarsela in ogni situazione.
L’attività di piantumaggio “La striscia verde del bene” è piaciuta molto, oltre che ai bambini, anche alla direttrice della scuola, che vi ha preso parte attiva e ha espresso la sua riconoscenza per gli alberelli piantati. Il nostro incontro ci ha lasciato molte emozioni e la soddisfazione di riuscire a svolgere attività ambientali nelle scuole in modo innovativo e non tradizionale. E forse è proprio in questo che consiste il successo del nostro progetto.

Elena Ginzburg (coordinatrice di “Sozvezdie”)

Questa missione a Deniskoviči non me la dimenticherò facilmente. Per prima cosa, a Zlynka il nostro pulmino ha avuto qualche problema tecnico, poi all’arrivo a scuola siamo venuti a sapere che 15 dei 21 bambini della scuola erano andati nel capoluogo a fare delle gare... Ho pensato, ecco, siamo venuti per niente... E invece mi sono sbagliata, perché questi sei scolari hanno creato un’atmosfera talmente coinvolgente da costringerci a lavorare tutti insieme e con profitto. Vorrei anche far notare come la direttrice della scuola e la nostra Elena Nikolaevna abbiano subito trovato un’intesa e ci abbiano ulteriormente stimolato, tenendo alto il nostro interesse per le attività da svolgere. È stato interessante svolgere la maggior parte delle attività all’aria aperta, in modo informale. Mi piace molto lavorare per questo progetto.

Ekaterina Evseenko, 15 anni