Il blog "Le Russie di Cernobyl", seguendo una tradizione di cooperazione partecipata dal basso, vuole essere uno spazio in cui: sviluppare progetti di cooperazione e scambio culturale; raccogliere materiali, documenti, articoli, informazioni, news, fotografie, filmati; monitorare l'allarmante situazione di rilancio del nucleare sia in Italia che nei paesi di Cernobyl.

Il blog, e il relativo coordinamento progettuale, è aperto ai circoli Legambiente e a tutti gli altri soggetti che ne condividono il percorso e le finalità.

"Le Russie di Cernobyl" per sostenere, oltre i confini statali, le terre e le popolazioni vittime della stessa sventura nucleare: la Bielorussia (Russia bianca), paese in proporzione più colpito; la Russia, con varie regioni rimaste contaminate da Cernobyl, Brjansk in testa, e altre zone con inquinamento radioattivo sparse sul suo immenso territorio; l'Ucraina, culla storica della Rus' di Kiev (da cui si sono sviluppate tutte le successive formazioni statali slavo-orientali) e della catastrofe stessa.

11/12/14

«LUCINUSHKA E YOUNG BAND» - BAVENO (VB), 20.09.2014



PROGRAMMA - ПРОГРАММА:

1. Мотаня - Motanja
2. Подуй, буйный ветер - Soffia, vento impetuoso
3. Страданя - Tormenti
4. Хорошенький, молоденький - Giovincello carino
5. Куда бежишь, тропинка милая - Dove corri, mio bel sentiero
6. Сенюшка - Senjushka
7. Залёточка - L'innamorato
8. С горы на гору - Di monte in monte
9. Як служил у пана - Come ho servito dal pan
10. Во саду ли я была - Nel giardino son stata
11. Белый лебедь - Il cigno bianco
12. Крапива-лебеда - Ortica-erbacce
13. Атаман молодой - Il giovane atamano
14. Никонориха - Nikonoricha
15. Краковяк - Krakovjak
16. Подмосковные вечера - Le serate nei dintorni di Mosca
17. Stand by me - Останься со мной
18. Bossa Nova - Босса нова
19. I Feel Good - Мне хорошо чувствуется
20. Un'avventura - Приключение
21. Don't stop me now - Не останавливай меня сейчас
22. That's a Plenty - Это в изобилии
23. Mambo number 5 - Мамбо номер 5
24. Y.M.C.A. - И.М.Х.О.
25. Bella ciao - Белла чао


Progetto «Viburno Rosso» 2014
Gruppo folkloristico «Lucinushka»
Dal villaggio di Chaleevici (regione di Brjansk, Russia)
e Young Band del Corpo musicale di Baveno (Vb)
Direttore musicale: Kuki Monferini
Fisarmonica: Sergej Dushakov
Voci: Irina, Irina, Olga, Olga, Valentina, Masha, Nastja, Valerija
Data: 20.09.2014
Luogo: Arena Nadur, Baveno (Vb)
Iniziativa: Concerto con Young Band
Promotori: Circolo Legambiente «Il brutto anatroccolo» (Vb), Le Russie di Cernobyl, Corpo musicale di Baveno (Va)

Проект: «Калина красная» 2014
Фольклорный ансамбль «Лучинушка»
Из деревни Халеевичи (Брянская область, Россия)
И «Молодёжный бэнд» музыкального корпуса г. Бавено.
Музыкальный директор: Куки Монферини
Баян: Сергей Душаков
Поют: Ирина, Ирина, Ольга, Ольга, Валя, Маша, Настя, Лера
Дата: 20.09.2014
Место: Арена Надур, г. Бавено (р-н Вербания, Италия)
Мероприятие: Совместный концерт с Young Band
Организаторы: Легамбьенте «Гадкий утёнок», Музыкальный корпус г. Бавено

13/11/14

CENA CON DELITTO - 21.11.2014

Serata di raccolta fondi per i progetti del Brutto Anatroccolo - Le Russie di Cernobyl.

"Cena con delitto" a Fontaneto d'Agogna (vicino a Borgomanero).


Per prenotazioni, anche via e-mail:

legambiente.ilbruttoanatroccolo@gmail.com
stefano70@mail.ru
 
 

11/11/14

INCIDENTE CENTRALE NUCLEARE IN REPUBBLICA CECA, SCATTA L'ALLARME

Liquido refrigerante destinato a due unità della centrale nucleare di Dukovany, Repubblica Ceca, è fuoriuscito scatenando l’allarme nucleare nel Paese


Incidente centrale nucleare in Repubblica Ceca, scatta l’allerta – Nuovo incidente nucleare in Europa, quesa volta nella centrale di Dukovany, in Repubblica Ceca, dove è fuoriuiscito liquido refrigerante destinato alle unità 3 e 4, obbligando al blocco di due dei quattro reattori. La centrale nucleare, che si trova in Moravia meridionale, ha subito fatto scattare l’allerta nel Paese anche se le autorità locali sono intervenute per sottolineare che non vi sarebbe alcun rischio per la popolazione anche se è stato necessario chiedere i due reattori seguendo le direttive per la messa in sicurezza dell’intero impianto nucleare mentre gli altri due rimarranno attivi per assicurare la fornitura di energia elettrica.

Centrale nucleare di Dukovany,

Lo ha confermato il portavoce della centrale nucleare: “I reattori 3 e 4 della centrale di Dukovany sono stati chiusi inaspettatamente al fine di riparare una delle tubature che trasporta il liquido refrigerante necessario a tenere sotto controllo la temperatura dei reattori. è impossibile al momento prevedere quando i lavori di riparazione finiranno e quindi quando le due unità riprenderanno la normale attività di produzione energetica”. Il malfunzionamento è stato individuato lo scorso lunedì nel corso dei lavori di costruzione di due nuove torri di raffreddamento della centrale nucleare: è in corso di valutazione un’eventuale correlazione tra questi lavori di ampliamento e l’incidente nucleare. La centrale, costruita tra il 1985 e il 1987, produce ogni anno annualmente circa 15.68 Terawatt/ora (TWh) di energia elettrica.

Data: 07.11.2014
Fonte: www.centrometeoitaliano.it

10/11/14

CHERNOBYL E LE ALTRE, QUANDO LA DEVASTAZIONE DIVENTA META DI TURISMO NUCLEARE

Erano le prime ore del mattino del 26 aprile 1986 quando l’esplosione del tetto del reattore numero 4 della centrale nucleare di Chernobyl liberò nell’aria 9 tonnellate di scorie radioattive. La cittadina di Pripyat sorta nelle vicinanze della centrale per ospitare le famiglie dei lavoratori fu gravemente contaminata e venne evacuata.

Nel 2011 Chernobyl è stata dichiarata ufficialmente attrazione turistica e ora è fra le mete più ricercate del cosiddetto “turismo nucleare”. Così come è accaduto a Stallion Gate, nel sud del New Mexico, dove ogni primavera folti gruppi di turisti si accalcano per l'apertura al pubblico del Trinity Site, il sito in cui fu effettuato il primo test della bomba atomica o come succede al Nevada Test Site, nel deserto del Mojave, dove durante la guerra fredda furono effettuati più di 1.000 test nucleari.

In questi luoghi di devastazione, simboli della pericolosità della superbia umana, frotte di turisti arrivano senza sosta e se si vuole partecipare ad un viaggio organizzato bisogna prenotare per tempo. Il National Geographic Italia ha pubblicato un interessante reportage  (corredato da una galleria di immagini dalla quale abbiamo tratto quelle che vi abbiamo proposto) che descrive cosa si prova a visitare una macabra città fantasma che lentamente si sta lasciando inghiottire dalla natura incontrastata.


Data: 01.11.2014

CERNOBYL: ESAURITI FONDI, SARCOFAGO RINVIATO DI DUE ANNI

Kiev è stata costretta a rinviare di due anni il nuovo sarcofago per la centrale nucleare di Cernobyl dopo aver esaurito i fondi per il progetto: la sua costruzione, iniziata nel 2010, sarà completata nel 2017 anzichè nel 2015, come previsto inizialmente. Lo ha reso noto Volodymir Holosha, responsabile della supervisione delle iniziative del governo per Cernobyl, citato da Sivodnia.Ua.

La realizzazione del sarcofago è cruciale perchè la protezione attuale che avvolge il reattore numero 4, all'origine del disastro nucleare del 1896, potrebbe collassare in qualsiasi momento, con effetti su tutta l'Europa. Il G7 ha lanciato una nuova raccolta fondi dopo quella del 1997, che fruttò 768 milioni di dollari. Ora, secondo Holosha, ne servono altrettanti.

Data: 16.10.2014

CHERNOBYL, TUMORI ALLA TIROIDE PIU' AGGRESSIVI A CAUSA DELLE RADIAZIONI

Bambini e adolescenti esposti allo iodio radioattivo sono più a rischio si sviluppare una malattia che cresce e si diffonde in fretta. Conseguenze simili per Fukushima.

A quasi 30 anni di distanza dall’incidente alla centrale nucleare di Chernobyl arriva, purtroppo, la conferma di quanto si era a lungo sospettato: chi è stato esposto alle radiazioni è in pericolo di sviluppare le forme più aggressive di tumore della tiroide. Le prove arrivano da uno studio appena pubblicato sulla rivista scientifica Cancer, che ha attentamente analizzato i dati relativi a quasi 12mila persone in Bielorussia che erano bambini o adolescenti all’epoca dell’esplosione del disastro nucleare nella vicina Ucraina. «Le conclusioni a cui siamo giunti sono rilevanti anche per le persone coinvolte nell’incidente avvenuto nel 2011 al reattore nucleare di Fukushima in Giappone, quando un terremoto causò uno tsunami che creò gravi problemi alla centrale nucleare» sottolinea Lydia Zablotska, autrice dello studio e docente del Dipartimento di Epidemiologia e Biostatistica alla University of California di San Francisco.

 

Leggi tutto...

 

Data: 31.10.2014
Fonte: www.corriere.it

INCIDENTE NUCLEARE – SCATTA L’ALLERTA IN EUROPA CENTRALE

REPUBBLICA CECA SPENTI 3 DEI 4 REATTORI DI DUKOVANY per la perdita di liquido refrigerante destinato al nocciolo. In funzione le unità 1 e 2 dell’impianto costruito nel 1987. Allarme nucleare nel cuore dell’Europa. Nelle scorse ore due dei quattro reattori della centrale di Dukovany, in Moravia meridionale (Repubblica Ceca), sono stati fermati a causa della perdita di liquido refrigerante destinato alle unità 3 e 4 della centrale ceca. Le autorità locali hanno subito rassicurato la popolazione affermando che nessun rischio per la popolazione è stato corso e che la chiusura dei due reattori è necessaria per le operazioni messa in sicurezza dell’impianto. Al momento non è chiaro per quanto tempo le due unità rimarranno chiuse, nel frattempo i reattori 1 e 2 continueranno a produrre energia elettrica per la regione. “I reattori 3 e 4 della centrale di Dukovany sono stati chiusi inaspettatamente al fine di riparare una delle tubature che trasporta il liquido refrigerante necessario a tenere sotto controllo la temperatura dei reattori – ha affermato all’agenzia di stampa ceca Czech News Agency Petr Spilka, portavoce dell’impianto –. è impossibile al momento prevedere quando i lavori di riparazione finiranno e quindi quando le due unità riprenderanno la normale attività di produzione energetica”.

Leggi tutto..

zzz

Data: 08.11.2014

05/11/14

«LUCINUSHKA» - SORBARA (MO), 21.09.2014



Programma - Программа

1. Мы птицы одного гнезда - Siam uccelli dello stesso nido
2. Родной мой край - Mia terra natia
3. Ой, давай с тобой попляшем - Ohi, balliamo io e te
4. Мотаня - Motanja
5. Подуй, буйный ветер - Soffia, vento impetuoso
6. Куда бежишь, тропинка милая - Dove corri, mio bel sentiero
7. Сенюшка - Senjushka
8. С горы на гору - Di monte in monte
9. Залёточка - L'innamorato
10. Атаман молодой - Il giovane atamano
11. Як служил у пана - Come ho servito dal pan
12. Никонориха - Nikonoricha
13. Краковяк - Krakovjak
14. Белла чао - Bella ciao


Progetto «Viburno Rosso» 2014
Gruppo folkloristico «Lucinushka»
Dal villaggio di Chaleevici (regione di Brjansk, Russia)
Fisarmonica: Sergej Dushakov
Voci: Irina, Irina, Olga, Olga, Valentina, Masha, Nastja, Valerija
Data: 21.09.2014
Luogo: Festa del Lambrusco, Sorbara (Mo)
Iniziativa: Concerto pubblico
Promotori: Circolo Legambiente «Il brutto anatroccolo» (Vb), Le Russie di Cernobyl, Associazione progetto Chernobyl Bassa Modenese

Проект: «Калина красная» 2014
Фольклорный ансамбль «Лучинушка»
Из деревни Халеевичи (Брянская область, Россия)
Баян: Сергей Душаков
Поют: Ирина, Ирина, Ольга, Ольга, Валя, Маша, Настя, Лера
Дата: 21.09.2014
Место: Праздник "Ламбруско", г. Сорбара (р-н Модена, Италия)
Мероприятие: Общественный концерт
Организаторы: Легамбьенте «Гадкий утёнок» г. Вербания, Ассоциация "Проект Чернобыль Басса Моденезе"

LETTERA DEI GENITORI DI DOBRODEEVKA



Dobrodeevka, 13 ottobre 2014

Cari amici!

Si rivolgono a Voi con riconoscenza i genitori degli alunni della scuola di Dobrodeevka.
Vogliamo ringraziarvi per aver organizzato la vacanza di risanamento per i nostri bambini.
17 bambini della zona colpita dall’incidente alla centrale nucleare di Cernobyl si sono rimessi in salute nel magnifico campo estivo “Novokemp”.
I nostri bambini là hanno trovato molti nuovi amici, si sono caricati di buonumore, hanno ricevuto tante emozioni positive dalla comunicazione con gli studenti italiani: tutto questo lo porteranno con sé durante tutto l’anno.
Grazie a tutti coloro che hanno dato il loro contributo per l’organizzazione della vacanza di risanamento dei bambini: i membri del “Brutto anatroccolo” e gli altri sponsor!!! Voi fate un’opera buona!!!
Vi auguriamo salute e benessere nelle vostre famiglie!
Ancora una volta GRAZIE MILLE!

I genitori degli alunni della scuola di Dobrodeevka


04/11/14

RACCONTO DI MARINA - EKO-STAGE 2014

Ecco la traduzione del racconto di Marina (17 anni), una delle volontarie russe del gruppo ecologico di "Radimici" (Novozybkov), sul recente stage ambientale.


STAGE AMBIENTALE A BAVENO – SETTEMBRE 2014

Questo viaggio mi ha aiutato a percepire realmente quanto siano importanti la natura e le risorse che noi utilizziamo, come in un altro paese ci si rapporti all’ecologia e come si lotti con la spazzatura. Io non avevo mai pensato che il tema dell’ecologia fosse tanto serio, ma da quando ho cominciato a frequentare Radimici e con questo viaggio in Italia l’ho compreso, e ora più spesso rifletto su questo tema.
Mi ha colpito la raccolta differenziata della spazzatura in Italia e il fatto che davvero tutte le persone la osservino. Mi è molto piaciuto il centro di raccolta dei rifiuti dove ci hanno raccontato dei colori dei diversi cassonetti della spazzatura.

Allo stesso modo mi sono piaciute l’escursione in montagna e le riserve naturali. I documentari ambientali che abbiamo visto mi hanno molto toccato. Più di tutti mi ha toccato l’ultimo film, ora purtroppo non mi ricordo come si chiama (Planet Ocean, n.d.t.), penso che sia un film che dovrebbe guardare ogni abitante della terra.

Per me è stato poi un po’ sorprendente ascoltare i collaboratori di Legambiente parlare della loro attività. Avevo sempre pensato che questo fosse una sorta di hobby o di aiuto volontario, invece ne è venuto fuori che si tratta di una cosa davvero seria.

Penso che in futuro molte persone si interesseranno sempre di più di ecologia e in tal maniera potremo lottare tutti insieme con le cose che nuocciono alla natura.

Novozybkov, 3 novembre 2014
Marina Sen’kova
 

GREENPEACE SI RIVOLGE ALLA PROCURA MILITARE CON UNA QUERELA NEI CONFRONTI DELLA DIREZIONE DEL MINISTERO DELLE EMERGENGE (MČS) DELLA REGIONE DI BRJANSK



Nonostante che nella regione di Brjansk continuino a verificarsi molto estesi e pericolosissimi incendi di terreni torbosi nella zona toccata da Cernobyl e la gente soffochi a causa del fumo, la direzione del Ministero delle Emergenze (MČS) dichiara che è tutto a posto.


Gli esperti di Greenpeace hanno approntato una richiesta alla Procura suprema militare. In essa viene descritto in dettaglio perché, secondo l’organizzazione, l’inattività della direzione del MČS della regione di Brjansk debba essere considerata come una violazione della legge.

«I primi incendi autunnali nelle torbiere nelle province di Novozybkov, Gordeevka e Krasnaja Gora sono stati rilevati con i sistemi di monitoraggio a distanza il 6 ottobre 2014. Dalle informazioni degli abitanti locali (si allega la registrazione del dialogo), gli incendi sono però iniziati prima, verso la metà di settembre, cosa che hanno comunicato alla Direzione del MČS della regione di Brjansk, ma nessuna misura per la loro liquidazione è stata intrapresa», – si dice nel documento. Le informazioni sugli incendi nelle torbiere l’ente non le ha messe a disposizione. Il regime di emergenza è stato introdotto soltanto il 13 ottobre.

«La situazione è tanto più seria in quanto gli incendi agiscono nella zona della cosiddetta “scia di Cernobyl” (quei territori con un’elevata contaminazione radioattiva in conseguenza dell’incidente alla centrale nucleare dell’aprile del 1986)».

I collaboratori di Greenpeace hanno appurato che, sebbene il 24 ottobre il governatore a tempore della regione di Brjansk abbia revocato il regime d’emergenza, gli incendi nei terreni torbosi continuano a verificarsi. Di intense emanazioni di fumo hanno riferito tra gli altri gli abitanti dei villaggi di Krasnaja Gora e Mirnyj delle province di Gordeevka e Krasnaja Gora.

Al contrario, nel bollettino della Direzione del MČS della regione di Brjansk  – alle ore 06.00 del 30 ottobre – non viene riportato niente riguardo agli incendi nei territori torbosi, i quali possono minare la salute degli abitanti locali.

«In tal modo ne risulta che il MČS della regione di Brjansk non abbia provveduto a informare tempestivamente i cittadini degli incendi sui terreni torbosi e, di conseguenza, delle minacce per la loro salute derivanti da tali incendi, cioè che abbia commesso un occultamento d’informazione su fatti recanti minaccia per la salute della popolazione». [...]



Greenpeace Russia chiede alla procura di verificare i fatti riportati nella missiva e di intraprendere le necessarie misure d’intervento.

Data: 31.10.2014
Traduzione: S.F.
 

03/11/14

UNIONE BIELORUSSIA E RUSSIA: 850.000 LE PERSONE COLPITE DAL DISASTRO DI CHERNOBYL

Unione Bielorussia e Russia: 850.000 le persone colpite dal disastro di Chernobyl

GOMEL, 29 Ottobre – “Le vittime di Chernobyl che vivono in Belarus e Russia e riconosciute come tali dall’Unione dei due Stati, sono pari a 850.000”. Lo ha dichiarato il presidente della Commissione dell’Unione per l’ecologia e la gestione delle conseguenze di Chernobyl, Alexander Popkov, nel corso di una riunione svoltasi a Gomel.

Ci sono più di 700.000 persone colpite dal disastro nella sola Federazione Russia. In Bielorussia sono circa 150.000 quelle che soffrono tuttora della contaminazione di Chernobyl. Oltre 50.000 lavoravano nelle immediate vicinanze della centrale.

Secondo Popkov, i partecipanti all’incontro elaboreranno una strategia per migliorare i sistemi di assistenza medica specialistica alle popolazioni delle zone radioattive. Fra i presenti vi erano i responsabili dei principali centri medici, scienziati, specialisti, rappresentanti dell’Accademia Nazionale delle Scienze bielorussa e dei Ministeri della Sanità dei due Stati.

Lo Stato Unito di Belarus e Russia possiede impianti medici di alta tecnologia per garantire assistenza medica di primo livello ai pazienti. “Tra questi c’è il Centro di Ricerca Nazionale per la Medicina Radioattiva e Ecologia Umana di Gomel ed una struttura specializzata a Obninsk, nell’Oblast di Kaluga. Vorremmo coordinare l’attività di questi due centri, così come quelle delle altre istituzioni” ha affermato.

La questione richiede un sostegno finanziario. “Prenderemo alcune decisioni nel corso della riunione al fine di mettere in contatto le autorità competenti. L’Unione dei due Stati non deve ignorare i problemi che esistono attualmente nelle attività volte a mitigare le conseguenze dell’incidente di Chernobyl”, ha ribadito Popkov.

L’ordine del giorno dell’evento ha compreso il riesame dei progressi compiuti nell’attuazione dei progetti comuni per il periodo da qui al 2016.

L’incontro si è svolto presso il Centro di Ricerca Nazionale per la Medicina Radioattiva e Ecologia Umana di Gomel, inaugurato nel 2002. Oggi, la struttura è un’organizzazione che fornisce assistenza medica specialistica alle persone che soffrono ancora delle conseguente dell’incidente di Chernobyl.


Data: 30.10.2014
Fonte: www.progettohumus.it

FUKUSHIMA STA TRASFORMANDO IL PACIFICO IN UN CIMITERO

Fukushima sta trasformando il Pacifico in un cimitero

Il 98% dei fondali della California è cosparso di creature marine morte.
I media non lo hanno ancora diffuso, ma quanto sta accadendo nell’oceano californiano è sconvolgente.

La notizia è stata lanciata da National Geographic: fino a Marzo 2012 solo l’1% dei fondali del suddetto oceano era composto da creature defunte. Da Luglio di quest’anno si parla invece del 98%. E’ come se l’intera area si fosse trasformata in una sorta di cimitero marino, brulicante di cadaveri in decomposizione.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Proceedings of National Academy of Sciences, non ha ancora dimostrato alcuna correlazione con Fukushima, ma non è difficile immaginare uno stretto legame tra i due avvenimenti, anche perchè negli ultimi 24 anni non si era mai verificato nulla del genere.

La zona analizzata è la stazione M, che si trova a 145 miglia al largo tra le città californiane di Santa Barbara e Monterey.

Sembra che i governi e i media vogliano che noi tutti dimentichiamo Fukushima ed il catastrofico danno ambientale che ha procurato al nostro pianeta. Ma non potranno coprire la verità per sempre: la vita umana è strettamente legata alla salute degli oceani ed in particolar modo all’ossigeno che la vita marina crea e rilascia nella nostra atmosfera. A San Francisco, 1000 persone hanno allineato i loro corpi per scrivere sulla spiaggia “FUKUSHIMA IS HERE” ed essere fotografati dal cielo: 

Data: 13.12.2014
Fonte: www.jedasupport.altervista.org

ECOLOGIA PER I BAMBINI



Venerdì 24 ottobre nella sede di “Radimici per i bambini di Cernobyl” si è tenuta la lezione in forma ludica per i bambini sul tema dell’ecologia, condotta dagli studenti volontari del College di medicina di Novozybkov. La lezione è consistita nell’applicazione pratica dell’esperienza acquisita dagli studenti durante lo stage in Italia organizzato dai nostri alleati nella lotta per un futuro pulito, l’associazione Legambiente. Nel corso della lezione ai bambini sono stati esposti alcuni concetti teorici sul tema dell’ecologia, insegnati dei metodi di riciclo della spazzatura; a loro volta essi hanno proposto alcune loro idee sul riutilizzo dei rifiuti solidi nella vita quotidiana.

L’iniziativa ha previsto alcune fasi. Nella prima gli studenti hanno fatto conoscenza con i bambini, lasciando che ciascun bambino raccontasse un po’ di sé e a questo modo si aprisse. Dopodiché c’è stata un’introduzione al tema dell’ecologia in cui i volontari, con una terminologia accessibile ai bambini, hanno parlato dei concetti e dei principi della difesa dell’ambiente e del riciclo della spazzatura. Nell’ultima fase, quella pratica, i bambini sotto forma di gioco hanno studiato i diversi tipi di riciclo dei rifiuti solidi domestici, proponendo al contempo le loro originali idee.

L’attività con i bambini è una delle parti più importanti nell’educazione, all’interno della società, a una visione corretta e civile dell’ecologia e della difesa dell’ambiente. L’unico ostacolo per i volontari ecologi è l’adattamento delle informazioni scientifiche sull’ecologia per le diverse età dei bambini che frequentano “Radimici”. In questo vengono aiutati dai collaboratori più esperti dell’organizzazione, i quali mettono loro a disposizione moltissime metodologie o semplicemente condividono la loro esperienza di lavoro con i bambini.
Dmitrij Safonov


Data: 28.10.2014
Fonte: www.радимичи.рф
Autore: Dmitrij Safonov
Traduzione: S.F.